comment 0

Bella Mossa

La legatoria artistica Mariromei aderisce con entusiasmo all'iniziativa "Bella Mossa" e offre ai partecipanti, che accumuleranno i punti necessari  uno sconto sui quaderni di nostra produzione.

Dal 1° aprile al 30 settembre c’è una convenienza in più a utilizzare i mezzi di trasporto sostenibile.

A ogni spostamento effettuato a piedi, in bici, in autobus o in treno, con il car sharing e in car pooling puoi guadagnare PuntiMobilità, e avere accesso agli sconti e ai buoni spesa messi a disposizione dai nostri partner.

Per partecipare bastano tre semplici mosse.

1. SCARICA la app BetterPoints e registra i tuoi spostamenti sostenibili

2. GUADAGNA PuntiMobilità con le attività base, gli eventi speciali e gli eventi partner

3. Converti i tuoi PuntiMobilità in SCONTI E BUONI SPESA

E in più, puoi partecipare all'estrazione dei SuperPremi

evento haveaglomorousweekend bologna
comment 0

Have a Glamorous Weekend 8 Aprile 2017

8 APRILE: BOLOGNA
ti invita ad una giornata di SHOPPING SPECIALE

Glamour, il vostro magazine preferito, anima le vie più frequentate e coinvolge i negozi più cool.

Organizzato dalla rivista Glamour, il prossimo sabato 8 Aprile, si svolgerà a Bologna l’evento ” Have a Glamorous Weekend“.

La manifestazione si svolgerà dalle ore 10 alle ore 20 e sono coinvolti i punti vendita di: via D’Azeglio, Castiglione, Cavour, San Felice, Galvani, Clavature, Rizzoli, Ugo Bassi, Indipendenza, Orefici, Piazza Maggiore con l’intento di dare nuova forza alla relazione commercio-territorio, coinvolgendo la cittadinanza con numerose iniziative.

Questa edizione avrà come tema “Greenery”, si lega fortemente ai temi della natura, dell’eco-sostenibilità e diventa così elemento di gioco, moda e glamour ma anche di attualità e modernità.

Anche la Legatoria Mariromei parteciperà all’evento e offrirà ai partecipanti uno sconto del 10 % su sciarpe e borse.

evento haveaglomorousweekend bologna

comment 0

Grand Tour Bologna

Pubblicato dalla casa editrice Pendragon,  la guida Grand Tour Bologna è una “guida d’autore per vivere la città da Bolognesi”.

Pubblicata nel luglio del 2015 è stata curata dalle giornaliste Francesca Blesio e Giorgia Olivieri.

Nella sezione intitolata “Design, Creatività e Artigianato” alla pagina 135 della guida e segnalata la nostra legatoria artistica!

Un vecchio negozio di articoli religiosi rimasto immutato nelle vetrine e nei serramenti è stato sostituito da una legatoria artistica dove tra quaderni e le sculture di carta si trovano anche eleganti bijoux dalle linee essenziali e quasi inpalpabili. Il design della carta è il cuore di questa attività che periodicamente ospita anche mostre di giovani artisti e fotografi.

Guida di Bologna Pendragon editore.

Copertina della guida Grand Tour Bologna- Pendragon editore.

comment 0

Casafacile Shopping tour

copertina-casafacile-500x319

Con grande soddisfazione segnaliamo che siamo stati citati in un articolo della rubrica Shopping Tour , nel nuovo numero della rivista Casafacile in edicola da qualche giorno.

La blogger Simona Ortolan ha selezionato nei mesi scorsi diversi negozi  a Bologna tra i quali il nostro.

MARIROMEI
Via Altabella 2/D – www.mariromei.it
Legatoria artistica in cui Mariangela e Vincenzo realizzano personalmente quaderni, album, gioielli di carta e complementi d’arredo, utilizzando solo carte pregiate.

Interno Mariromei legatoria Artistica

Casafacile Shopping Tour Bologna

Filed under: Notizie

comment 0

Mostra di Manuel Blazquez

mostra Manuel Blazquez

Mostra di Manuel Blazquez

Mariromei – Legatoria artistica presenta ALBARIUM di Manu Blázquez Inaugurazione sabato 24 gennaio 2015 h 19.00 – 24 22 gennaio – 22 febbraio 2015 lun.-sab. 10-12.30 | 16-19.30

Marco Vitruvio (Roma c. 80 a. C. circa – 15 a. C.circa) è stato l’autore di De Architectura, l’unico integro testo latino di architettura. Nel secondo capitolo del settimo libro di questo trattato presenta l’album opus o albarium. La caratteristica principale di questo tipo d’intonaco è il suo colore bianco dovuto ai materiali impiegati nella sua composizione, polvere di marmo bianco e calce diluita o calce da gesso. Questo aspetto si rapporta intimamente con la proposta di Manu Blazquez dato che il colore bianco predomina nel suo lavoro artistico grazie alla natura stessa del mezzo utilizzato.

Allo stesso modo che i romani guarnivano l’interno delle sue case, modellavano i bassorilievi e altri ornamenti architettonici, e figuravano le colonne di marmo mediante l’opus albarium, l’artista tratta di scolpire un linguaggio non convenzionale in un supporto già storico come è la carta.

Un linguaggio di segni che non designano ma esistono fisicamente, di ritmi matematici e musicali, pause e “intervali perduti”, chilometri e chilometri di linee incise per esplorare un bianco niveo che mai non lo è perché nel vuoto le ombre possono registrare infinite sfumature cromatiche.

comment 0

Mostra di Laura Bisotti

mostra laura bisotti

Geografia di Cadute. Mostra di Laura Bisotti.
Geografia di Cadute.
Mostra di Laura Bisotti.

Mariromei – Legatoria artistica
via Altabella 2/D – 40126 Bologna
info@mariromei.it
051 231116
presenta
GEOGRAFIE DI CADUTE
di Laura Bisotti
Inaugurazione sabato 25 gennaio 2014 h 18.30 – 24
25 gennaio – 22 febbraio 2014
lun.-sab. 10-12.30 | 16-19.30
Geografie di cadute è un’esposizione di Laura Bisotti realizzata per la nuova location della legatoria artistica Mariromei.
In uno spazio in cui s’inventano e vendono idee e progetti in carta, l’artista presenta due installazioni il cui protagonista è il supporto cartaceo. Negli ambienti dove gli attrezzi e i materiali del rilegatore si uniscono a oggetti del design contemporaneo, Laura Bisotti presenta due opere in cui gioca a documentare per mezzo del disegno, della monotipia e dell’incisione calcografica, le imprevedibili traiettorie di caduta di fiori d’acacia e semi di acero. Tracce (2013) nasce dall’osservazione giocosa del caratteristico volteggio elicoidale con cui i semi della pianta dell’acero cadono a terra. Si tratta di un’installazione, a parete, di centinaia di piccoli fogli di carta da lucido su cui l’artista ha stampato, con la tecnica del monotipo, le impronte di questi vegetali. A queste si unisce il tracciato di linee disegnate a matita a suggerire le traiettorie spazio-temporali della loro caduta. Sono fiori d’acacia quelli che invece compongono l’installazione Sotto l’acacia (2013) seccati e stampati per mezzo della vernice molle su zinco sono presentati ordinati in piccole buste di carta pergamino sospese nello spazio della vetrina. La visione libera e disordinata della caduta dei fiori è riproposta secondo un approccio ordinato e metodico senza per questo intaccare leggerezza e fugacità dell’azione naturale.
www.laurabisotti.com      Art City White Night     Artefiera

comment 0

Il Resto del Carlino

Bottege storiche, miracolo in via Altabella

il resto del carlino articolo 12 agosto 2013

Una legatoria ha preso il posto di Oliva, il negozio di articoli religiosi chiuso nel 2012.

di Benedetta Cucci

Una serranda su e due giù.  Se non di più.  Le strade della città, sopratutto nel centro storico,

sembrano sempre più addormentate, con le saracinesche abbassate come occhi chiusi. Questo è stato uno dei primi segni della crisi: negozi che non ce la fanno e che, dopo tanti anni di onorato commercio, devono gettare la spugna e abbassarsi davanti agli affitti troppo cari e ai consumi sofferenti. In questo panorama, le vetrine di via Altabella 2/D che ancora mostrano una vita e che continuano ad attrarre clienti curiosi sono un toccasana.

Oliva, lo storico negozio di articoli religiosi, è stato costretto ad abbassare le serrande un anno fa.

il resto del carlino articolo 12 agosto 2013

Però un piccolo miracolo, si potrebbe dire, rimanendo in tema religioso, è accaduto in poco tempo.

E’ così le vetrine di via Altabella, che rischiavano di mancare l’anniversario dei cent’anni nel 2014, arriveranno al traguardo proprio grazie a un passaggio di testimone molto significativo.

Perchè dallo scorso giugno il negozio è diventato la nuova dimora di Mariromei, la legatoria artistica e laboratorio un tempo in via Cesare Battisti, che, tra le mansioni più importanti, ha quella di riportare a nuova vita i libri rovinati dal tempo. La seconda vita di molti testi delle biblioteche comincia in questo laboratorio di Mariangela Zaffani e Vincenzo Maurizio Romeo, che hanno avviato il progetto tanti anni fa,  inizialmente in via Arno, raccogliendo l’eredità di questo nobile lavoro da un vecchio artigiano. Poi, dopo i libri riparati, Zaffani e Romeo sono passati alla progettazione di quaderni , album, gioielli di carta, sculture e complementi d’arredo realizzati con carte giapponesi e nepalesi. E nel 2006 sono finiti anche sulla guida di Vuitton, approdo prestigioso con un pubblico chic e globetrotter.

“I muri-spiega Romeo- sono della Curia, che cercava un’attività adeguata dopo la chiusura del negozio di articoli religiosi l’anno scorso”. E prosegue ” Per noi questo era una posizione ideale, strategica, e l’ambiente molto bello. E’ se penso a quel che è successo in via Cesare Battisti con il recente incendio e con la chiusura della strada, credo proprio che siamo stati fortunati…” Là sarebbe stata la nostra rovina. Quì,  invece, ci piace, anche il fatto di aver riaperto un negozio storico in un momento in cui ne chiudono tanti. Ci siamo trovati anche con l’affitto, che potevamo sostenere, perchè non era una cifra impossibile”.

Effettivamente, passeggiando sotto al portico di via Altabella,  Mariromei non passa inosservato. In esposizione ci sono oggetti raffinati e particolari, orecchini e collane come se ne vedono pochi in giro, quei quadernini che ti strappano in sorriso, sopratutto se sei una signorina. Ma anche un collezionista di bellezza. La prima cosa che colpisce, però è quella scritta in alto, con uno sfondo che si addice perfettamente al nome: A. Oliva, su verde oliva, dal 1914, la scritta in un verde più brillante, quasi erba di prato. Da lì arriva una grande suggestione che, davvero, si sposa con elegante semplicità con i nuovi inquilini.

Da “Il Resto del Carlino” edizione Bologna lunedì 12 Agosto 2013

 

 

comment 0

Avvenire inserto Bologna Sette

Mariromei il medico dei libri

La second life dei libri comincia in via Altabella 2/D. Qui tra fregi a mano a corda , torchi a pressione e caratteri mobili (sempre e solo Gutenberg), le pagine vissute di giuristi, filosofi, medici, e romanzieri indossano un abito nuovo; pronte per tornare ad allenare le nostre menti. Rifilano, incollano, cuciono e stampano le abili mani di Vincenzo Maurizio Romeo che, una quindicina di anni fa, ha scelto uno dei mestieri artigiani più antichi al mondo:legatore. “Ho partecipato ad un progetto europeo di trasmissione d’impresa da un artigiano del settore a un nuovo imprenditore”. E così è nata Mariromei, legatoria artistica finita sulla guida di Bologna pubblicata da Vuitton o i cui quaderni sono nei bookshop di musei umbri, ma anche parigini.

Pareti tappezzate di rotoli colorati perché “ogni carta ha la sua storia e il suo uso”, spiega Romeo. E subito ti squaderna un foglio marmorizzato stampato in Francia “con cui puoi fare tutto”;mentre, invece, con quello modello anni 70 “si può fare meno è più delicato”. Ma noi qui ”usiamo poco la carta tradizionale”. Si può fare il giro del mondo in questi pochi metri quadri a pochi passi dalle Due Torri che fino a poco tempo fa profumavano d’incenso e esponevano icone:carta giapponese,indiana,nepalese, di riso o anche più comune, ma italiana. Purchè fiorentina, “la migliore”. Acquerelli, disegni, foto: con la cellulosa si fa di tutto. Incluse le sculture appese in vetrina. Anche quelle fatte di scritte: e il pentagramma di si trasforma in un fiore. Libri che molto probabilmente andrebbero al macero o abbandonati senza vita su uno scaffale e che Romeo fa rinascere sotto nuova forma.

“Noi-insegna Romeo- usiamo la tela per ricoprire i nostri lavori: oltre ad essere più resistente rispetto al cartone, rappresenta anche un valore aggiunto”. E così preziosa carta giapponese avvolge pagine pronte a raccogliere pensieri , appunti o anche solo appuntamenti. “La carta giapponese è molto resistente ed è stampata in modo perfetto con decori serigrafati”. Sul tavolone, davanti ad una maxi taglierina messi in bella mostra, pile di volumi sopravvissuti a legioni di studenti attendono il “medico del libro”. Federica Gieri

Tratto da : Avvenire inserto Bologna Sette Domenica 21 Luglio 2013

avvenire-bologna-sette-21-luglio-2013

comment 0

Trovabologna LaRepubblica

QUADERcopertina-trovabologna-001NI, DIARI E PERFINO MONILI IN CARTA.
Arrivano dal lontano Oriente, sopratutto Giappone e Nepal, le carte per i taccuini, i diari, gli album personalizzati, e perfino per le raffinate collane e orecchini per signore e signorine, che prendono forma nella legatoria Mariromei.
E’ il regno di Maurizio Romeo, artigiano e artista della carta che qui’, da una decina d’anni, affianco delle rilegature di tipo tradizionale per biblioteche e dipartimenti dell’Alma Mater, dà vita a vere e proprie opere d’arte di carta che poi vende in tutta Europa. A Parigi i suoi quaderni si trovano da Louis Vuitton nell’esclusiva boutique sugli Champs-Elysèes.
Sotto le Torri nella sua bottega-laboratorio in via Cesare Battisti.
Ma la sorpresa è nel prezzo. Offriamo manufatti artigianali alle stesse cifre dei prodotti industriali , osserva con orgoglio Romeo.

Tratto da : “La Repubblica”  Trovabologna-Artefiera una città in mostra. 26 gennaio 2012